Confettura di lamponi

Le confetture aiutano a prolungare i sapori della frutta e degli agrumi dell’estate anche nei mesi freddi, e sono indispensabili in cucina per arricchire torte, crostate, gelati e pasticcini fatti in casa. Nei mesi di agosto e settembre, si può fare scorta di lamponi per preparare in poche semplici mosse una confettura di lamponi dal sapore inconfondibile, dolce ma con una nota finale acidula, e, grazie ai semi, anche legnosa e calda.

Per la scelta dei lamponi, meglio indirizzarsi verso lamponi biologici ben maturi, perché più dolci e polposi, dalla qualità intensa e profumata. Quest’anno, per la mia confettura di lamponi dal sapore agrodolce, ho scelto i lamponi biologici della Val di Fassa, in particolare della zona della splendida cittadina di Soraga, che si sono rilevati davvero preziosi! Tra i frutti di bosco, i lamponi sono i più apprezzati in cucina, squisiti anche nel gelato o nello yogurt possiedono innumerevoli proprietà benefiche e virtù.

Per 3 vasetti di vetro da 15 cl

Ingredienti

1 kg di lamponi biologici

mezzo limone

60 ml di vino liquoroso alla mandorla

500 g di zucchero

Procedimento

Pulite i lamponi, sciacquateli velocemente con poca acqua e lasciateli scolare per qualche minuto.

Con l’aiuto di uno spremiagrumi a mano, preparate il succo di mezzo limone.

Aggiungete il succo di limone ai lamponi e lasciate per qualche ora a riposare.

Unite lo zucchero ai lamponi e mettete il tutto in un tegame, mescolate e versate anche il vino.

Cuocete a fiamma bassa per circa quaranta/ cinquanta minuti. Lasciate raffreddare a fuoco spento e poi frullate con il mixer a immersione. Continuate la cottura per altri venti minuti, mescolando ancora ed eventualmente schiumate.

Trasferite la confettura bollente in dei vasi di vetro sterilizzati fino a un centimetro dal bordo, chiudete ermeticamente e capovolgeteli per pochi minuti. Lasciate raffreddare a temperatura ambiente.

Gustate la confettura di lamponi su una fetta di pane di segale, per una davvero colazione speciale!

EL

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *